Google+

martedì 20 novembre 2012

TRADIMENTO GELIDO


Gaspare Polizzi
Ci  sono date che contano, che ti rimangono nel cuore, più di quanto si possa immaginare. Si potrebbe pensare che si stia parlando di guerre, politica, amori, pensieri legittimi, ma non è così.

31 maggio 2009; 20 maggio 2012, date corrispondenti  alle ultime partite in assoluto di Paolo Maldini con la maglia rossonera e di Alessandro del Piero con la casacca della  “Vecchia signora”. Non tutto va come dovrebbe andare, tantomeno gli addii,  nemmeno se si tratta dei due tra i maggiori talenti del calcio italiano e dell’intero panorama mondiale. Certe volte non basta una vita di dedizione, di successi,  di assoluta fedeltà a dei colori per lasciarsi con il dovuto rispetto.

-          -24 maggio 2009: ultima partita al Meazza di Paolo Maldini. Tutto faceva presagire una grande festa,  ma così non è stato;  tutto è stato rovinato da un’intera curva che contestava il proprio capitano  ritenendolo “poco rispettoso”, appoggiando quindi la linea societaria che lo avrebbe voluto fuori dal club, almeno per quel  momento.

-         - 13 Maggio 2012: uno Juventus Stadium gremito tributa Alessandro del Piero con ole, cori e pianti da parte dei più accaniti sostenitori  - e per quanto mi riguarda, piansi da casa. Dunque, dov’è il problema? Ultima partita con goal, affetto dei tifosi, cosa chiedere di più? Ah sì, c’è che non va il comportamento della dirigenza bianconera e nella fattispecie del presidente Andrea Agnelli,  che da tempo aveva scaricato senza preavviso il giocatore più rappresentativo dell’intera storia bianconera. Alessandro, Paolo,  non ve la prendete troppo se siete stati traditi, se l’etica non trova più spazio nel calcio - quasi a specchio di un’intera società - a favore invece della pragmaticità e del rigore finanziario. VOI PER SEMPRE CON NOI!

Gaspare Polizzi