Google+

lunedì 11 febbraio 2013

Balotelli, Rossi e Sissoko: tutto il mercato di Gennaio

Mirko Scimemi

Febbraio è il mese dei grandi appuntamenti, il mese del ritorno delle coppe, il mese dei primi verdetti dopo il mercato invernale. Il campionato italiano prima delle coppe si presenta più avvincente che mai: la lotta scudetto tra Juventus e Napoli al momento favorisce i bianconeri che con 5 punti comandano la Serie A. Ma il vero fascino del nostro torneo è la lotta per il terzo posto, valido per i preliminari di Champions League. Milan, Inter e Lazio sono le squadre accreditate per raggiungere l’obiettivo, con i biancocelesti terzi grazie al vantaggio di un solo punto sulla formazione di Stramaccioni e tre punti di vantaggio sui rossoneri in grande rimonta. Le ostilità si sono ben messe in evidenza nel mercato di Gennaio che ha come fiore all’occhiello Mario Balotelli rossonero, talento italiano che dopo due stagioni e mezzo ritorna a Milano sponda rossonera.

 Ma adesso parliamo del mercato delle singole squadre.

Anelka

Juventus: la capolista deve riparare alle assenze di Chiellini e Asamoah (impegnato in coppa d’Africa) e prende dall’Atalanta il terzino, all’occorrenza centrale, Peluso. Marotta cerca di piazzare il colpo in attacco vista la carenza di giocatori decisivi nel reparto avanzato, alla fine arriva il rimpiazzo Anelka dopo aver inseguito a lungo Lisandro Lopez.
 Voto: 5,5.





Cavani
Napoli: grande mercato della società partenopea che rinforza la difesa con Rolando dal Porto, prende Armero dall’Udinese come alternativa a Zuniga e infine da segnalare il ritorno di Calaiò come vice-Cavani.
 Voto: 7.






Lazio: si muove in uscita, Lotito si preoccupa di sfoltire e solo negli ultimi giorni movimenta il mercato con Pereirinha dallo Sporting ma sfugge il colpo Felipe Anderson dal Santos e il sogno Lampard. 
Voto: 5.




Kovacic
Inter: grande rivoluzione a centrocampo. Ben tre volti nuovi per le file neroazzurre, Schelotto dall’Atalanta, Kovacic (gioiellino croato pagato ben 11 milioni di euro), Kuzmanovic dallo Stoccarda. L’infortunio di Castellazzi e la stagione non esaltante di Milito spingono Moratti a chiedere Carrizo e Rocchi alla Lazio, che cede senza eccessive pretese. 
Voto: 6,5.














El Shaarawy- Niang- Balotelli





Milan: la squadra regina del mercato che ha come assoluti protagonisti Adriano Galliani, un genio del mercato, e il procuratore Mino Raiola. L’intensa attività dei due ha portato Mario Balotelli al Milan, dopo un’estenuante trattativa che ha portato il fuoriclasse italiano al Milan per “soli” 20 milioni pagabili in 6 rate. È il colpo del mercato milanista che con Super Mario può portare avanti il progetto dei giovani garantendo gol e giocate con il trio delle creste Niang - Balotelli - El Shaarawy. Galliani lavora anche per il futuro e prende il talento empolese Saponara e dal Brescia il promettente difensore Salamon. Da segnalare lo scambio con  il Parma Zaccardo-Mesbah-Strasser , che ha liberato Allegri da uno dei peggiori terzini mai visti a Milanello. 
Voto: 8,5.



Rossi
Fiorentina: grande lavoro per la viola che migliora tutti i reparti con riserve e potenziali titolari tra cui il maliano Sissoko dal PSG e Giuseppe Rossi fermo ai box fino a metà Marzo. Da notare il talento Wolski rubato nelle ultime ore ai Red Evils. Voto: 8.

Catania: operazioni di contorno per la sorpresa del campionato. La squadra non richiedeva altri interventi dopo l’acquisto di Castro nell’estate.
 Voto: 6.

Roma: la società capitolina necessita di un grande difensore di esperienza, ma la dirigenza si è preoccupata di migliorare la corsia destra con l’ottimo Torosidis.
Voto: 6.

Parma: ritorna Mariga dall’Inter, brutta la cessione di Zaccardo al Milan sebbene non fosse fondamentale vista l’abbondanza di centrali presenti in rosa. L’ottimo lavoro svolto fin qui da Donadoni richiedeva uno sforzo della società per trattenere, almeno fino a fine stagione, il forte Paletta e l’esplosivo Belfodil. 
Voto: 6,5.

Udinese: siamo alle solite. La società pensa a vendere i pezzi migliori per fare cassa. La famiglia Pozzo cede il prezioso Armero al Napoli e lo sostituisce con un centrocampista giovane e tecnico come Merkel. 
Voto: 6.

Sampdoria: trattiene il gioiello Icardi. Questa è la notizia più lieta per i tifosi blucerchiati. 
Voto: 6.

Torino: grana Bianchi in casa Toro, per 20 giorni il capitano granata è stato fuori rosa che alla fine ha deciso di rimanere dov’è. Ventura ritrova Barreto che aveva allenato a Bari. 
Voto: 5,5.
Barreto




Chievo: da segnalare in entrata il ritorno di Acerbi dal Milan. Preso anche Seymour dal Genoa che saprà dare nuove geometrie al centrocampo di Corini.
 Voto: 6,5.



Atalanta: il peggior mercato che si potesse fare. Una squadra meno aggressiva rispetto all’anno precedente, non poteva concedersi il lusso di cedere dei pezzi pregiati come Schelotto e Peluso, armi micidiali della squadra lombarda. I sostituti (Del Grosso e Giorgi) non sono all’altezza. Se una delle pretendenti alla serie B si rifarà sotto, allora saranno guai senza un vero bomber in avanti. 
Voto: 4,5.

Bologna: altro brutto mercato. Impensabile per una squadra senza veri difensori centrali cedere il loro migliore a una diretta concorrente come il Genoa. Da segnalare Moscardelli dal Chievo per far respirare Diamanti nei minuti finali.
 Voto: 5.

Cagliari: Cellino è un osso duro. Pinilla, Astori e Nainggolan erano richiestissimi ma lui non ha ceduto nonostante il momento nero per le casse del Cagliari.
Voto: 6,5.

Genoa: se non fosse per Balotelli, sarebbe il Genoa la migliore squadra che ha operato sul mercato. Prende Manfredini Portanova e tiene Granqvist in difesa, a centrocampo rinforzi di lusso con Matusalem e Rigoni e un buon elemento in attacco come Floro Flores. 
Voto: 8.

Pescara: ottimo innesto quello di D’Agostino, ma la squadra non è all’altezza per restare in A.
Voto: 6,5.

Siena: se non fosse per la penalizzazione, la squadra di Iachini sarebbe fuori dalla zona retrocessione, ma deve fare i conti con l’handicap iniziale. Si segnala la cessione allo Zenit dell’ottimo Neto e del bomber Calaiò al Napoli. 
Voto: 5.

Fabbrini

Palermo: ottimi acquisti per i siciliani, ma le cose non vanno meglio. Faurlin, Fabbrini e Nelson sono grandi innesti, ma la squadra ha bisogno di essere supportata da una difesa migliore e da un’attaccante da doppia cifra. Così è da Serie B dopo anni memorabili come il quinto posto di qualche anno fa. 
Voto: 6.


Mirko Scimemi
Chi più chi meno, sul mercato calcistico si sono mossi un po’ tutti per raggiungere gli obiettivi prefissati a fine stagione. Mario Balotelli porterà il Milan in Champions? La Juventus riuscirà a bissare l’incredibile vittoria dell’anno scorso? E soprattutto ci saranno sorprese, o Siena Palermo e Pescara sono ormai in B? Solo il campo potrà dirlo, a noi non resta altro che goderci lo spettacolo. 











Mirko Scimemi